Presenze da record per le “manovre di disostruzione” promosso da Croce Rossa a Vigna di Valle

 

Presenze da record per le “manovre di disostruzione” promosso da Croce Rossa e Capgemini a Vigna di Valle

Genitori, nonni e curiosi: presenze da record questo pomeriggio al Museo Storico dell’Aeronautica Militare per il corso “Manovre di disostruzione delle vie aeree nel lattante e nel bambino”, promosso da Croce Rossa e Capgemini. Come comportarsi quando un bambino inghiotte qualcosa e non respira? Un corso di pronto intervento per imparare azioni molto semplici, ma che consentirebbero di salvare la vita a molti bambini superando l’iniziale periodo di panico. La lezione, della durata di due ore, è stata diretta dal dott. Marco Squicciarini, medico volontario della Croce Rossa Italiana e referente nazionale e internazionale per le “manovre di disostruzione”. Ad una breve introduzione teorica, è seguita una più consistente parte interattiva e

pratica. “Imparando queste semplici manovre secondo le linee guida internazionali, che danno la protezione legale e una valenza morale, sarà possibile salvare molti bambini con estrema facilità – ha dichiarato il dottore”.
Ogni partecipante ha ricevuto un piccolo manuale riepilogativo illustrato ed un DVD con i filmati riassuntivi delle manovre viste durante la lezione.
Sono più di cinquanta le famiglie colpite ogni anno dalla morte di un bambino per soffocamento (dati SIP, Società Italiana di Pediatria). Le cause? Palline di gomma, caramelle, giochi, ma soprattutto un’assistenza non adeguata nei primi minuti. Capgemini, leader mondiale nel management consulting, information technology e outsourcing, sostiene la Croce Rossa Italiana nel promuovere il progetto “Manovre di disostruzione delle vie aeree nei bambini e linee guida per il sonno sicuro”, basato sulle nuove linee guida internazionali ILCOR (International Liason Committee on Resuscitation). Il progetto ha interessato diverse città italiane e ha coinvolto insegnanti, assistenti degli asili nido, i genitori, i nonni e tutti quelli che si prendono cura dei bambini.
“Si tratta di un progetto divulgativo e di formazione sulle manovre corrette di disostruzione da corpo estraneo e rianimazione pediatrica che ha coinvolto dapprima i nostri 1.500 dipendenti – sottolinea Raffaella Poggio, responsabile Marketing e Comunicazione di Capgemini Italia – e che ora vuole coinvolgere il maggior numero di persone possibile su tutto il territorio nazionale con il supporto della Croce Rossa”.
Capgemini
Capgemini, leader mondiale nella Consulenza, Information Technology e Outsourcing, trasferisce ai propri clienti soluzioni e competenze per aiutarli a raggiungere risultati migliori attraverso un modo unico e distintivo di lavorare – la Collaborative Business Experience™ – e attraverso Rightshore®, il modello globale di delivery distribuita, la cui funzione è quella di mettere a disposizione i migliori talenti dislocati in diverse country, lavorando come un unico team per elaborare e implementare la soluzione più adatta alle esigenze del cliente. Il Gruppo Capgemini, presente in oltre 30 paesi nel mondo, ha registrato nel 2009 ricavi per 8,4 miliardi di euro e conta 95.000 professionisti. L’offerta Capgemini Italia è orientata verso cinque settori di business: Financial Services, Energy & Utilities, Manufacturing & High Tech, Public Administration, Telecom Media & Entertainment. Capgemini Italia ha riportato nel 2009 un fatturato pari a 132 milioni di euro con oltre 1.500 professionisti dislocati nelle sedi di Roma, Milano, Torino, La Spezia e Bergamo.